Sistema pubblico di connettivita’

Il CNIPA (ora DigitPA), nel rispetto del d.lgs. n. 42/2005, ha indetto una gara a procedura ristretta (licitazione privata) come da bando pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale CE n. S91 del 12/5/2005 e sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana, parte II, n. 110 del 13/5/2005, inviando ai Fornitori la lettera di invito a presentare offerta, prot. 6326 in data 27 luglio 2005. A seguito dell’espletamento della procedura di gara, la Società FASTWEB S.p.A. è risultata aggiudicataria della parte n. 1 della suddetta gara. Con la Società FASTWEB S.p.A., CNIPA ha stipulato in data 25 maggio 2006 il relativo Contratto Quadro OPA, poi integrato e prorogato nei termini sino al 25 maggio 2013, dal Contratto Quadro OPA per la ripetizione di servizi analoghi, N. 2 del 2009.

Il Sistema Pubblico di Connettività (SPC) è un insieme di infrastrutture tecnologiche e di regole tecniche che ha lo scopo di “federare” le infrastrutture ICT delle pubbliche amministrazioni, per consentire la realizzazione di servizi integrati mediante regole e servizi condivisi. Tale integrazione permette di risparmiare sui costi e sui tempi e di realizzare i servizi finali centrati sull’utente, evitando richieste continue di dati da parte delle amministrazioni, oltre che duplicazioni di informazioni e controlli.

Funzioni e caratteristiche dell’SPC sono stabilite dal Codice dell’Amministrazione Digitale (CAD), che così lo definisce:

l’insieme di infrastrutture tecnologiche e di regole tecniche, per lo sviluppo, la condivisione, l’integrazione e la diffusione del patrimonio informativo e dei dati della pubblica amministrazione, necessarie per assicurare l’interoperabilità di base ed evoluta e la cooperazione applicativa dei sistemi informatici e dei flussi informativi, garantendo la sicurezza, la riservatezza delle informazioni, nonché la salvaguardia e l’autonomia del patrimonio informativo di ciascuna pubblica amministrazione.

In altri termini, nel suo insieme di regole tecniche e nei suoi principi, il Sistema Pubblico di Connettività è un “framework” nazionale di interoperabilità: definisce, cioè, le modalità preferenziali che i sistemi informativi delle pubbliche amministrazioni devono adottare per essere tra loro “interoperabili”.

Il Sistema Pubblico di Connettività stabilisce, inoltre, sia l’enterprise architecture della PA italiana (cioè il sistema di riferimento per legare i processi operativi interamministrativi con i sistemi informativi che li supportano), sia le azioni sussidiarie, di coordinamento e di governance. L’architettura è un modello SOA (service oriented architecture). Gli aspetti di interoperabilità sono assicurati da regole e, soprattutto, da una serie di servizi di interoperabilità,cooperazione e accesso che fanno parte delle cosiddette infrastrutture nazionali condivise SPC.